La Cité Libreriacafè – Firenze

News


citè 2014

FIRMA E FAI FIRMARE LA PETIZIONE PER LA CITè!!!!!

DOBBIAMO ESSERE TANTISSIMI, LA CITè NON PUò CHIUDERE!!!!!!

 

http://www.change.org/it/petizioni/comune-di-firenze-sostenga-attivamente-le-attività-della-libreriacafé-la-cité-e-lo-sviluppo-del-suo-progetto-la-cité-non-può-chiudere

 

Fronte_A5Retro_A5

 

Avendo fatto un patto col Diavolo ed essendo protetti da Santa Cecilia (24 nov), musa della musica..

Da Venerdì 22 a Domenica 24
Giochiamo con la Musica nella Città!
MARATONA MUSICALE
3 giorni di concerti e finale con
STREET PARADE
Domenica 24
partenza ore 15 da PIAZZA SANTO SPIRITO
LA NOTTE E’ UNA PARTE DEL GIORNO!

Tragitto:
Partenza ore 15 piazza s Spirito. Borgo TEgolaio, piazza Frescobaldi, ponte santa Trinita, via Tornabuoni, via degli Strozzi, piazza Strozzi, piazz REpubblica, via degli Speziali, via del Corso, borgo Albizi, via Fiesolana, via Pietrapiana, piazza sant’Ambrogio, via Pietrapiana, via Verdi, via de Benci, ponte alle Grazie, lungarno SErristori, via dei Renai, lungarno TOrrigiani, via dei Bardi, borgo s Jacopo, via s spirito, borgo san FRediano, via dei Serragli, via s Agostino, piazza S Spirito.

Street accompagnata con la musica di NEMA PROBLEMA ORKESTAR! (Milano), il divertente DIGEISETTE di Lorènzo Hugolini su WESTFALIA e tutti i musicisti, gli artisti, gli amici, i passanti, i turisti, gli animali che vogliono vivere l’alba, il tramonto, il pomeriggio, la mattina e la notte della città!

MARATONA MUSICALE

L’ingiusta chiusura “a tempo” de La Citè è un paradosso che mette in evidenza che a Firenze esiste un “problema Notte”. Crediamo sia venuto il momento di affrontarlo, una volta per tutte. I locali serali che aderiscono all’iniziativa “Maratona Musicale” chiedono al Sindaco di avviare con urgenza una discussione sincera e decisiva su questo tema.

REGOLE CERTE, CHIARE E CONDIVISE Vogliamo creare un quadro di regole condivise dal quale emergano con precisione competenze e compiti, partendo da quanto di buono è già stato fatto con la stesura del Patto della Notte. Chi gestisce una attività commerciale, sociale e culturale deve conoscere e condividere metodologie di comportamento che lo rassicurino sulla liceità e sulla sostenibilità del proprio lavoro. I commercianti e gli operatori della Notte vogliono collaborare al controllo territoriale e non essere lasciati soli ad operare sentendosi addossare poi colpe che non hanno e compiti che non possono assolvere.
LA NOTTE È UNA PARTE DEL GIORNO il rispetto ambientale, la tutela della quiete, il diritto al riposo sono beni primari per una città. Al contempo, la vita sociale serale è parte integrante e fondamentale della stessa. Una città internazionale come Firenze deve sapere affrontare il nodo della convivenza tra le diverse anime e necessità senza estremismi, menefreghismi o intolleranze. Trovare il giusto equilibrio fa parte della funzione della pubblica amministrazione che non può delegare o farsi sostituire in questo dalla magistratura nel dirimere le tensioni sociali.
DI QUALE NOTTE VIVE FIRENZE? Una città si confronta anche sulla capacità di proporre e di offrire. Quale notte vogliamo offrire ai nostri ospiti sia locali che internazionali? Quella del degrado ambientale e sociale, delle risse, del far west alcolico o quella di una città che vive, che lavora, che suona, che diverte? Noi crediamo e vogliamo una Firenze moderna, aperta, viva. Non una città selvaggia, dove le regole non vengono rispettate e ognuno fa quello che gli pare contando su una impunità di fatto. E nemmeno quella spenta, vuota, morta dove il nulla è padrone di strade buie e pericolose. Si dia una mano a chi si impegna e si penalizzi invece chi intende sfruttare lo scarso controllo territoriale. La legalità è un bene comune, non può diventare una formula vuota.

Per questo abbiamo pensato e organizzato la “Maratona Musicale”.
Una manifestazione itinerante che per tre giorni riempirà le strade, i locali e la città di Musica, di voglia di divertirsi, di incontrarsi, discutere e confrontarsi.
Per una Firenze che torni a misurare la vita in note e non in decibel.

I locali che sottoscrivono la Maratona Musicale in ordine di percorso e di orari (approssimativi):
Volume – Ore 15
Pop café
Colle Bereto – Ore 16
Plaz – Ore 17
Rex
Caffè Sant’Ambrogio – Ore 17.45
Kikuya Ore 18.30
Soul Kitchen Ore 19
Lochness
Moyo
Negroni Ore 20
Zoe
One Eyed Jack Ore 21
La Citè
Porto di mare/Eskimo Dalle 23
Combo

Con la collaborazione di Firenze Spettacolo e BuonaNotteFirenze!

Per i locali e gli artisti che intendono aderire e mandare la propria programmazione:

mail to: cosimo.guccione@gmail.com o direttore@firenzespettacolo.it

 

13 novembre 2013

LA CITE’ è LIBERATA!!..Per ora..
La vita (e la musica) riprendono! adelante!
Grazie di cuore a tutti per il sostegno e l’affetto che ci avete dimostrato, senza i quali non avremmo avuto la forza di portare avanti questa nostra avventura e senza i quali non avrebbe senso continuare a farlo.
Il giudice, in attesa della pronuncia definitiva, ha revocato il sequestro preventivo e la chiusura alle ore 23 della La Citè libreriacafè.
Il provvedimento è avvenuto dopo che abbiamo sottoscritto “il patto per la notte” con il Comune di Firenze e ci siamo impegnati a non dare contenitori da asporto. Ma non è finita…
Vi ricordiamo la maratona musicale del 24 nov. (per le strade del centro cittadino) per ribadire l’importanza di regole chiare e uguali per tutti i locali e l’individuazione di diritti e doveri precisi degli esercenti e dei cittadini, per permettere di lavorare serenamente senza la perenne spada di Damocle di sanzioni e denunce.
Andiamo avanti..insieme a voi!! La Cité

 

ALTRE NEWS ANCHE IN CAFFETTERIA E PROGRAMMA

16 OTTOBRE 2013

Ieri pomeriggio La Citè ha incontrato l’Assessore alla Cultura Givone, con cui era stato fissato un appuntamento già da qualche settimana; il Sindaco avvertito della nostra presenza in Palazzo Vecchio è passato per un saluto.

Nel lungo incontro con l’Assessore siamo entrati nel dettaglio sia del provvedimento di sequestro di fine giugno, sia del diniego ricevuto settimana scorsa dal P.M. Bocciolini e dal Giudice Bagnoli, nonchè del nuovo appello presentato dal nostro avvocato al tribunale del riesame.

Al di là dell’attesa dei tempi processuali e del corso della giustizia l’Assessore ci ha rinnovato la stima del Comune per l’attività culturale svolta, la volontà politica di far permanere La Citè in Borgo San Frediano, e lo sgomento per la gravità della pena a cui andiamo incontro (reato penale).

I punti su cui abbiamo chiesto al Comune un sostegno concreto per portare avanti l’attività sono 3:

-continuare a lavorare su un accordo fra istituzioni, gestori di locali e abitanti (patto per la notte) che garantisca la convivenza e quindi il limite dei rispettivi diritti/doveri

-portare avanti l’idea di San Salvi o un altro luogo grande e aperto come “cittadella della cultura” per tutte quelle attività culturali, sociali e di intrattenimento che per loro natura stanno “strette” nel contesto abitativo del centro storico

-dare un sostegno concreto a La Citè, che in 4 mesi di chiusura anticipata ha accumulato enormi problemi economici e rischia la sua stessa sopravvivenza, cancellando il debito di 12.000 euro (!!!) che la Cooperativa deve al Comune di Firenze.

(La Citè nasce infatti anche grazie alla vincita di un bando comunale per idee imprenditoriali che dovevano riqualificare varie strade della città; il bando assegnò alla coop. 12.000 euro come prestito da restituire)

 

Nell’incontro sono stati toccati anche altri punti: fra questi la possibile partecipazione alla riapertura del Teatro Goldoni e l’individuazione di spazi altri per l’attività: ci preme sottolineare che questi sono progetti a cui La Citè stava lavorando con l’Amministrazione già dalla passata stagione; le collaborazioni, le idee, e in generale la nostra progettualità non spuntano come funghi giusto nel momento di emergenza, ma sono coltivate e cercate ogni giorno con lo spirito attivo e creativo che ci ha spinti non solo ad aprire il posto, ma anche a trasformarlo e rinnovarlo ogni anno.

Infatti La Citè da questo mese e come i primi tre anni, riaprirà la mattina: i progetti per la riapertura mattutina, lo spostamento della programmazione in altra fascia oraria e i cambiamenti necessari a rendere ancora più impostata sul giorno l’attività sono già pronti da mesi, ma ci siamo fermate nella realizzazione per via del sequestro intervenuto a Giugno: chi se la sente di aumentare i rischi e continuare ad investire senza garanzia di poter svolgere l’attività?

La Citè da anni organizza eventi esterni allo spazio in Borgo San Frediano, rassegne e festival di circo-teatro-musica, tra cui “Cirk Fantastik” che è stato realizzato a Villa Strozzi, al Teatro Puccini, in Piazza Santo Spirito, all’Anfiteatro delle Cascine e per tre anni al Parco dell’Anconella.

Da mesi stiamo progettando la possibilità di portare gli spettacoli di teatro-circo al Teatro Goldoni, grazie alla disponibilità di Riccardo Ventrella e dell’Assessore Givone.

La volontà di realizzare gli eventi di Musica, Teatro, Circo che fisiologicamente non possono stare alla Citè ci ha spinti in questi anni a progettare e chiedere uno spazio grande che possa ospitare queste attività ed eventi.

La nostra volontà è quella di salvare La Citè in Borgo San Frediano, punto di incontro e diffusione delle attività culturali, spazio aperto per leggere, mangiare, ascoltare buona musica, presentazioni… e contemporaneamente progettare il riutilizzo culturale di spazi vuoti, siano essi pubblici o privati.

Ringraziamo le centinaia di persone che ci stanno aiutando, ognuno con i propri mezzi e possibilità, chi con idee, chi viene a lavorare gratis, chi viene a suonare la mattina, chi ci pubblica e scrive, tutti i locali che soffrono delle stesse problematiche e che ci hanno offerto ospitalità e sostegno. Grazie

La Citè

 

15 OTTOBRE 2013

La Citè si avvia definitivamente alla sua fine.

Due giorni fa, rigettando il nostro ricorso, il giudice ha confermato il sequestro preventivo della citè con chiusura obbligatoria alle 23.

L’attesa dei tempi processuali e di un eventuale appello purtroppo non ci consente di sopravvivere.

La chiusura alle 23, oltre a rendere impossibile la sostenibilità economica della Citè e dei sui lavoratori,

ci impedisce di realizzare le attività culturali, musicali, artistiche per cui sette anni fa abbiamo deciso di costruire questo progetto.

Le attività diurne della Citè- che sono una peculiarità della libreria e una ricchezza per gli abitanti del quartiere,

per i ragazzi dei licei che vengono a studiare, per le mamme e i bambini che vengono a giocare ed in generale per chiunque voglia leggere un libro,

ascoltare musica, usare internet, incontrarsi con gli amici, senza dover consumare obbligatoriamente- purtroppo non sono sufficienti a sostenere economicamente la nostra attività.

La programmazione serale che ha visto in questi anni migliaia di concerti, performance, spettacoli, tutti gratuiti, non può più essere svolta. Perchè?

Perchè la presenza delle persone in strada, motivo principale del sequestro, è considerato un pericolo “per la salute psico-fisica delle persone” del quartiere;

di pochi- aggiungiamo noi- in confronto alle migliaia di persone che hanno goduto delle attività della Citè.

Borgo san Frediano sei anni fa era una strada triste e anonima, considerata “degradata” dallo stesso bando comunale che ci assegnò la Citè.

Adesso è una strada viva, pieni di attività, locali e persone, considerata da molti cittadini e da tutte le guide internazionali

come una dell’aree culturalmente più interessanti di Firenze. E crediamo che sia merito gran parte della Citè .

Per ironia del destino adesso proprio noi dobbiamo chiudere e togliere il disturbo.

Se non cambia qualcosa, a dicembre 2013 saremmo probabilmente costretti a chiudere definitivamente i battenti della Citè.

Lo faremo con immensa tristezza, rabbia e indignazione per una Firenze burocrata, e bottegaia che non ci ha mai appoggiato né difeso

ma con la consapevolezza di aver fatto tutto il possibile per realizzare nella nostra città un’ esperienza culturale e sociale

importante e per noi meravigliosa..speriamo anche per molti di voi. La Citè

 

SETTEMBRE 2013: LA CITE’ è APERTA TUTTI I GIORNI DALLE 15:30 ALLE 23:00,

VENITE A TROVARCI PER SOSTENERE LA RIAPERTURA E LA RIPRESA DELLE ATTIVITà CULTURALI!!!

CITE’ PARADE! Dalla Citè a La Città!

Grazie a tutti! Amici, fotografi, musicisti, attori, artisti, bambini, persone, cani, e chi ha questi sorrisi e questa forza così bella!!

 

 

 

 

 

 

Da La Cité a La Città!! Grazie ai fotografi FotoSintesi lab project!!

“Ci sono momenti nella vita in cui tacere diventa una colpa e parlare diventa un obbligo. Un dovere civile, una sfida morale, un imperativo categorico al quale non ci si può sottrarre!”

 

CI TROVIAMO DALLE 16.30 A LA CITE’ PER PREPARARE LA PARATA.
PARTENZA ORE 18 DA PIAZZA DEL CARMINE

Da La Citè a La Ciità!
Venerdì 5 dalle 17 vi aspettiamo colorati energici artistici variopinti..!

interventi artistici confermati..e ne aspettiamo tanti altri!

- Il divertente diggeisette a 4 mani: Lorenzo (Martinicca Boison) + Rizla
DJ (Ragazzi Scimmia)
- Fiati Sprecati
- Hot Spot Swing Art Ensemble: Alessandro Gigli, Claudio Corona Belgrave, Mario Ramunni
- Silvia Paoli
- Gabriele Merlini
- Vanni Santoni
- Jazz Street band
- Beatles street band
- Flamenco

Per rendere il percorso ancora più rappresentativo di quelllo che siamo e della città che vorremmo..
” portate libri fiori o quello che volete
da donare alle persone lungo il percorso…..

La citè in questi anni ha donato tanto
alla città e continuerà a farlo..!!!!”


Ore 18 Concentramento in Piazza del Carmine
Percorso:
Via Santa Monaca
Via dei Serragli
Via del Campuccio
Via Romana
Piazza San Felice
Via Guicciardini
Via dello Sprone
Piazza della Passera (breve sosta)
Via dello Sprone
Via Santo Spirito
Via Coverelli
Piazza Santo Spirito (intrattenimento, musica, varie iniziative)

La cultura è un valore diffuso, viaggia nell’aria come il suono delle voci, delle note, dei pensieri: non genera rumore, non genera degrado, genera pensiero critico, sviluppo delle società.
Luoghi chiusi impoveriti e svuotati, strade deserte di notte schiacciate sotto il caos dei motori di giorno, teste piegate e vuote nell’oblio degli schermi. Vogliamo dire basta. Difendiamo il diritto di lavorare negli ambiti culturali, di creare arte, socialità, vivibilità in una città che DEVE ESSERE CONTEMPORANEA. Un problema comune, una voce comune.

Per riaprire La Cité servono 3 cose: un buon avvocato, migliorie strutturali e molta energia positiva contro una piccola mentalità bigotta. Abbiamo bisogno del contributo di tutti!

Per questo motivo abbiamo deciso di organizzare un grande Corteo per Venerdì 5 luglio.
Il luogo di ritrovo sarà Piazza del Carmine alle 17:00. La manifestazione, prevista per le ore 17.30, percorrerà alcune delle strade più significative dell’Oltrarno, e terminerà in Piazza Santo spirito.

Durante la manifestazione saranno previsti momenti di sosta per performance musicali, artistiche e reading. Partecipate con tutto il vostro bagaglio: parole, pensieri, musica, danza, clownerie, libri.

Tutti i singoli e le realtà culturali cittadine sono invitate a sottoscrivere questo appello inviando una mail a
citeparade@gmail.com
o telefonando al 3393436476 o al 3491723770.

Libreria Cafè La Cité

Lettera aperta alle istituzioni, ai media e ai cittadini.

In seguito all’ennesimo provvedimento sanzionatorio che mette in discussione la possibilità stessa di esistenza della libreria Café La Cité di borgo san Frediano – il sequestro preventivo sulla base di una denuncia penale per disturbo della quiete pubblica – sentiamo il bisogno di condividere alcune riflessioni e considerazioni, spinti dalla convinzione che La Cité sia sempre più largamente percepita come uno spazio e un progetto non solo nostro ma della città tutta.

La Citè nasce nel 2007, in occasione di un bando comunale destinato a riqualificare zone degradate della nostra città. Il progetto originale, approvato dal Comune, prevedeva la realizzazione di una libreria caffè che svolgesse e promuovesse attività culturali (concerti, presentazioni, esposizioni, eventi culturali in genere).
Ed è esattamente quello che abbiamo fatto!

In sei anni abbiamo organizzato oltre 600 presentazioni di libri e attività seminariali, 300 esposizioni, 1500 concerti, ospitando tra i migliori artisti, pensatori, scrittori, musicisti, toscani e non solo. Abbiamo ideato e realizzato rassegne di teatro, di circo, festival di musica, conferenze, all’interno e all’esterno della Citè, attivando reti di cooperazione e collaborazione con enti locali, associazioni, università, operatori culturali di ogni genere. Lo abbiamo fatto mossi esclusivamente dalla volontà di portare a Firenze eventi ed esperienze interessanti di respiro internazionale di alto livello artistico ed una socialità divertente e stimolante, ma non superficiale e mercificata. Crediamo che questi elementi possano contribuire a definire la Citè una realtà culturale e non prettamente commerciale. E riteniamo perciò che si meriti un trattamento consono alla sua natura.

Tutta questa nostra attività è stata svolta senza lucro. Abbiamo infatti operato come una cooperativa di lavoro a mutualità prevalente che si è limitata a remunerare il lavoro vivo svolto al bar nei locali della Cité reinvestendo tutti – tutti! – i ricavi economici per le attività culturali. In questo senso il nostro progetto è stato anche il tentativo di alcuni giovani di sottrarsi alla morsa della precarietà inventandosi un lavoro in grado di mettere a valore i propri interessi e passioni. Da questo punto di vista l’impressionante scia di provvedimenti contro La Cité rappresenta anche una poderosa messa in discussione della possibilità dei soci e dipendenti della libreriacafé di lavorare e poter portare avanti progetti di autonomia e dignità individuale e familiare. E sentire più volte associare il nostro lavoro, svolto con sacrificio e dedizione, alla parola degrado, insieme a continui ed enormi ostacoli che ne mettono in discussione la legittimità stessa, è la ferita più profonda che ci spinge ancora una volta a prendere pubblicamente parola.

Crediamo inoltre che la Citè abbia contribuito a portare a San Frediano e a Firenze un certo prestigio e una certa vivacità culturale (anche agli occhi dei turisti); .rispetto ad alcuni anni fa Borgo san Frediano è stata progressivamente ripopolata di attività, ed oggi rappresenta un importante snodo nella vita del centro storico, crediamo anche grazie al nostro lavoro. E’ proprio questo l’obiettivo di riqualificazione che si poneva il bando che abbiamo vinto alcuni anni fa. Ciò appare evidente dalle recensioni delle più importanti guide turistiche, siti, riviste specializzate di tutto il mondo.E ci sembra dunque ancor più paradossale dover subire una denuncia penale per il normale aumento della partecipazione alla vita serale di questa strada e di essere ancora una volta vittima di provvedimenti che sembrano confondere il concetto di libera arte e cultura con quello di degrado, la socialità con il codice penale.  La Citè ha inoltre costituito una spinta propulsiva per molte nuove realtà cittadine, per cui siamo stati un’apripista, che hanno aperto in seguito alla nostra esperienza decidendo di proporre un’ offerta culturale basata sulla musica dal vivo, sul teatro e sui libri.

In questi anni la Citè ha subito decine di multe, ordinanze, provvedimenti sanzionatori (mai per episodi di vandalismo, urla, ubriachezza, risse etc.) ma sempre per il “rumore” provocato dalle persone che frequentano la Citè.
La nostra riflessione è la seguente: o si decide che in San Frediano non può esistere un’attività notturna o non si può sanzionarla continuamente per lo svolgimento della sua normale attività, a maggior ragione se si ritiene che questa abbia una valenza culturale per la città.
Il rumore delle persone che che vivono una città, un locale, un ristorante, un teatro è fisiologico e non patologico..e la musica non è rumore ma è vita!!!
E allora…
Chiediamo alle istituzioni cittadine un aiuto per cercare una soluzione a questa situazione, per noi estremamente difficile, materialmente e moralmente.
Chiediamo ai cittadini, affinché la disillusione e la stanchezza non prendano il sopravvento sull’entusiasmo, di continuare a sostenerci come avete fatto in moltissimi in questi giorni nelle forme più varie, ognuno come può, per resistere..insieme.
La Citè Libreriacafè

>DECRETO DI SEQUESTRO PREVENTIVO

La Citè è stata messa sotto sequestro

per distrurbo della quiete pubblica.

Ci scusiamo per il disagio arrecato dai concerti,

dalle esposizioni, dalle presentazioni,

dai momenti di aggregazione

e di cultura che abbiamo organizzato in questi anni.

Buonanotte Firenze..

 

La Citè LibreriaCafè

___________________________________________________________________

E’ BELLISSIMO SENTIRE TUTTI I COMMENTI E LE PROPOSTE CHE STANNO ARRIVANDO.. SIA DI SOLIDARIETA’ CHE DISSENSO CHE DISGUSTO, MA ANCHE PROPOSTE, IDEE, STIMOLI.. FORSE ERA IL MOMENTO PER FAR USCIRE ALLA LUCE TANTO MALCONENTO GENERALE CHE CERCAVA UNO STIMOLO PER LIBERARSI..ANDIAMO AVANTI!

E’ difficile riportare tutti i commenti e le proposte, solo una, che viene da lontano e che racchiude tanti pensieri..

Viaggio tanto e sono sempre lontano: ma le notizie sembrano ormai non avere distanze.

Da dove sono in questo momento posso scorgere con tutta calma che il potere non indossa più nessuna maschera ma nemmeno una calzamaglia: la guerra alla cultura la fa a volto scoperto, con la stessa faccia di culo con cui, per esempio, riesce a proclamare una nazione intera “terroristi”. 

Non siamo lontani dai tempi dei roghi dei libri del Savonarola davanti Palazzo Vecchio a Firenze, oggi li chiudono a chiave in via San Frediano dicendo che chi li legge fa troppo rumore e che la musica è stupido chiasso.

Possiamo sputare per terra come segno di indignazione, ed  altre piccole cose come fare spalluce dare un calcio alla lattina per strada ed esprimere la rassegnazione tipica della vecchiaia. Pensare tutto ormai è andato, che niente è più giusto e farsi bastare la salute.
 
Possiamo chiaccherare delle ore con gli amici in facoltà, in macchina, su facebook ma questo non cambierà niente, un bel niente.

Le mille ore internet che scorrono davanti i nostri occhi forse a qualcosa dovranno pur servire. 
Almeno per darci la possibilità di uscire dalla narcosi in cui ci hanno gettato e dalla stupida rassegnazione che ci porta a dire ormai l’Italia è persa, irrimediabilmente irrecuperabile. 
Ma ormai sappiamo che possiamo indignarci alla spagnola, intestardirci alla turca. Che di irreparabile c’è solo la morte e che la protesta sempre, sempre funziona e le divise la temono.
 
E’ una scintilla negli occhi che hanno chiamato libertà, che ci mette d’accordo nello sprezzo del pericolo, con la quale ci organizzeremo per riappropriarci del nostro coraggio e di quello che vogliamo.  

Allora verranno le primavere, l’estati, gli autunni e anche gli inverni di protesta: 
ammettiamolo se ci tolgono i libri, la musica, i luoghi d’incontro siamo finiti.

Olomuc, Repubblica Ceca
Salvatore Frasca
Compania My!Laika Kunst-Cirque

PS: Con il nostro spettacolo facciamo un tour di 37 date in 5 paesi d’europa: 1 in italia; Quest’unica possibilità per il 2013 di lavorare ci è offerta a settembre a Firenze dalla Citè (quei rompicoglioni di Borgo San Frediano che non sanno fare altro che parlare di libri, organizzare presentazioni e dibattiti culturali e quel baccano di gente che parla ride e suona).

– 

s a l v a t o r e f r a s c a
M y ! L a i k a   k u n s t – c i r q u e 


   LA CITE’ LIBRERIACAFE’

ORARIO ESTIVO

TUTTI I GIORNI DALLE 18 ALLE 01.00

La Citè Libreriacafè: 

Una delle 30 Wonderful Bookstores più interessanti del mondo..(X-Knowledge Co.,Ltd., Japan) con la sua atmosfera calda e accogliente di legno e le sue decorazioni di ferro riciclato, le sue serate musicali, gli eventi insoliti e ricercati e la tranquillità di sentirsi a casa, in un ambiente senza tempo.. 

offre i suo spazi per:

conferenze, incontri, seminari, corsi, compleanni, feste di laurea, aperitivi su prenotazione.
Potete scegliere buon vino e buon cibo, tutto biologico preparato per ogni tipo di appuntamento.

 

La Citè collaborazioni:

Anterpime di Teatro Cantiere Florida

Sabato 2 febbraio ore 17.00

Compagnia A.T.I.R./ Serena Sinigaglia

Di a da in con su per tra fra Shakespeare

In scena al Teatro Cantiere Florida sabato 2 febbraio ore 21 e domenica 3 febbraio ore 16

 __

Sabato 9 febbraio ore 18.00

Cie Twain Physical Dance Theatre/ Loredana Parrella

Lei e Tancredi. Denunce di corpi parlanti

In scena al Teatro Cantiere Florida sabato 9 febbraio ore 21 e domenica 10 febbraio ore 16

 __

Sabato 23 febbraio ore 17.30

Teatro Minimo/ Michele Sinisi

L’arte della Commedia

di Eduardo De Filippo

In scena al Teatro Cantiere Florida venerdì 22 febbraio ore 21 e sabato 23 febbraio ore 21

___________________________________________________________________________________________

LA CITE’ LIBRERIACAFE’ e CIRCO EL GRITO
presentano:

CIRK FANTASTIK! 2012
FESTIVAL di Teatro – Circo Contemporaneo


Dal 20 al 30 settembre
PARCO DELL’ANCONELLA
via Villamagna, Firenze sud

Spettacoli all’interno dello chapiteau El Grito ore: 11/18/21.30/23
Circo El Grito, Tony Clifton Circus, Los Filonautas, Maria Peligro, I circondati, Tedavi ’98, Cie Rasoterra, Compagnia Autonoma Tenenti, Milo e Olivia, David Batignani, En Piste.

Tutti i giorni spettacoli nell’anfiteatro dalle 16
Rufino Clown, Lupo,
Diego Baraccano, la Famiglia Mirabella, Marco Cecchetti,  Circo di Luna.

Tutti i pomeriggi dalle 16 spazio aperto con:
Laboratori gratuiti di Circo per bambini con En Piste!
Spettacoli all’aperto
Salotto libreria
Tutti i giorni merenda, aperitivo e cena

SABATO 29
11:00 – LEZIONE-CONCERTO PER BAMBINI con AIGAM
Lezioni concerto per bambini dall’età neonatale all’età scolare accompagnati da genitori o educatori.
www.aigam.org; Prenotazioni: 0658157525; info@aigam.org

Info e prenotazioni dalle 11 alle 17:
349.1723770
328.1616766
Per le prenotazioni ritirare i biglietti 1h prima
GLI SPETTACOLI SI SVOLGERANNO ANCHE IN CASO DI PIOGGIA

www.lacitelibreria.info
www.elgrito.net

Ufficio Stampa e Comunicazione:
Multiverso, Switch e La Cité
Con il patrocinio di COMUNE di FIRENZE e QUARTIERE 3

“Stiamo stretti a Firenze, apriamo La Citè!!”, una piccola isola culturale per l’incontro di progettualitá che si esprimono e si confrontano, dove possano emergere esperienze che abitano oltre, che traboccano e sorpassano i confini visibili e invisibili di una cittá nuova. La Citè Libreriacafè.
“La luna piena minchionò la lucciola: “sarà l’effetto dell’economia, ma quel lume che ti porti è deboluccio”. “Si”, disse la lucciola, “Ma la luce è mia”, El Grito Contemporary Circus.
Da questo connubio nasce Cirk Fantastik versione Chapiteau, dal desiderio di aprire una porta sul mondo, e che fosse la porta di un circo!

___________________________________________________________________

ARTI IN MOVIMENTO

La Citè Libreriacafè e le Compagnia Girovago e Rondella e Dromosofista

presentano

BUS TEATRO MOBILE

Piazza Santo Spirito

22 giugno – 1 luglio

Estate Fiorentina e Comune di Firenze

www.firenzestate.it

http://press.comune.fi.it/hcm/hcm5353-7_2_1-Estate+Fiorentina%2C+al+via+il+7+giugno+con+il+conce.html?cm_id_details=63072&id_padre=4471

——————-

La Citè Libreriacafè in collaborazione con

FESTIVAL DEL VIAGGIO

www.festivaldelviaggio.it

www.societadeiviaggiatori.org

GLI ANNIVERSARI VIAGGIANTI DEL FESTIVAL DEL VIAGGIO

Firenze, dal 5 al 9 giugno

Appuntamenti a La Citè

 

Merc 6 Giugno

ore 18.30 FESTIVAL DEL VIAGGIO 2012

a cura di Società Italiana dei Viaggiatori

Antropos – JIMI HENDRIX HA 70 ANNI

Sab 9 Giugno

ore 21 FESTIVAL DEL VIAGGIO 2012

a cura di Società Italiana dei Viaggiatori

presenta

Logos . TIMIRA, Romanzo Meticcio

Wu Ming 2 . Antar Mohamed

presenta Alessandro Agostinelli

————————————–

FESTIVAL DEL MAGGIO MUSICALE FIORENTINO

  MAGGIO BY NIGHT con

REFFRAIN QUARTET e RINGE RINGE RAJA

www.maggiofiorentino.it

http://www.maggiofiorentino.it/index.php?option=com_content&view=article&id=191&Itemid=103&lang=itù

——————————————–

 SOSTIENI MANIFESTO LIBRI

Novità e classici della casa editrice Manifesto Libri

sconto 20%

————————

 CENTRO di CULTURA CONTEMPORANEA STROZZINA

 Tappeto acustico

Rassegna di quattro concerti unplugged nel cortile di Palazzo Strozzi ideati in collaborazione con alcune tra le più importanti realtà che si occupano della promozione della musica contemporanea a Firenze.
Primo appuntamento realizzato in collaborazione con La Cité

Giovedì 12 aprile dalle ore 19.30 presso il Cortile di Palazzo Strozzi

MAXMABER ORKESTAR

http://www.strozzina.org/events/maxmaber-orkestar-in-concerto/

 

 CORSI:

La Cité Libreriacafé organizza

- LEZIONI DI ITALIANO PER STRANIERI IN PICCOLI GRUPPI

90 minuti, 15 euro…con colazione!

Join our affordable Italian group lessons.

90 minutes, 15 euros…with breakfast included!

For information call Elvira (339/3436476) or Magdalena (339-4255111)


- CORSO DI POSTPRODUZIONE FOTOGRAFICA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

__________________________________________

OTTOBRE 2011

Sulla manifestazione del 15 Ottobre

riflessioni che aiutano a respirare

per un pensiero intellettuale onesto con la realtà

facciamo girare il più possibile ragionamenti contro l’appiattimento mediatico della mente

 

http://www.globalproject.info/it/in_movimento/Per-guardare-avanti/9704

http://www.autautpisa.it/modules/news/article.php?storyid=1181#.TpyWAMTC-eU.twitter

http://baruda.net/2011/10/17/delazione-e-rimozione-della-propria-storia-ancora-sul-15-ottobre/#comments

http://tylerdurdan.tumblr.com/post/11522458862/15oct-rome-le-mie-armi-per-una-contronarrazione

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/10/18/buoni-o-cattivi-non-e-cosi-semplice/164593/